Elenco oneri deducibili e detraibili per la dichiarazione dei redditi 2017

Tasse e Fisco

La dichiarazione dei redditi va fatta su modelli che non sono di immediata comprensione. Nella sua compilazione occorre prestare attenzione soprattutto ai quadri relativi agli oneri deducibili e alle detrazioni d’imposta.

Deduzioni e detrazioni per il 2017

Spese deducibili e detrazioni sono poste che vanno a diminuire, rispettivamente, il reddito imponibile, fino all’ammontare dello stesso, e l’IRPEF dovuta.

La tipologia di questo tipo di spese è elencata, in modo esaustivo, nel Testo Unico delle Imposte sui Redditi (TUIR, artt. da 10 a 16bis). Per una corretta applicazione di queste decurtazioni fiscali, è necessario far riferimento anche alle specifiche contenute nelle istruzioni ministeriali di Unico PF o del mod. 730.

L’inserimento in dichiarazione degli importi corretti di deduzioni e detrazioni, e nella posizione tassativamente indicata nelle istruzioni dei citati modelli, sono condizioni necessarie affinché le stesse poste vengano riconosciute e, quindi, dedotte o detratte.

Elenco degli oneri deducibili

Elenchiamo le principali componenti di costo che il TUIR consente di dedurre dal reddito imponibile e che, salvo modifiche di legge, dovranno essere inserite anche in UNICO (o nel mod. 730) relativo al periodo d’imposta 2016:

  • Oneri sostenuti su immobili che concorrono a formare il reddito;
  • Spese mediche, sostenute per sé o per i famigliari a carico, compreso il costo per terapie riabilitative e per l’assistenza ai disabili;
  • I contributi versati per obbligo di legge, inclusi quelli volontari, per ricongiunzioni o riscatto degli anni di laurea, gli oneri sostenuti a favore del fondo casalinghe, e quelli versati per Colf e badanti;
  • I contributi versati a fondi integrativi SSN, fino a un limite di 3.615,20 euro annui;
  • Oneri contributivi dovuto per l’adesione a forme pensionistiche integrative, per un importo inferiore a 5.164,57 euro;
  • Spese sostenute per le pratiche di adozione, per un massimo del 50% delle stesse;
  • Gli assegni versati a favore del coniuge legalmente separato (escluse le somme per il mantenimento dei figli), nonché quelli corrisposti per obbligo testamentario o “donazione modale”;
  • Erogazioni versate: a enti non governativi; a favore della Chiesa cattolica, per un importo non superiore a 1.032,91 euro; a università o istituti di ricerca.

Detrazioni d’imposta spettanti ex lege

Vi sono dei bonus d’imposta che spettano non perché vengano sostenute particolari spese, ma per lo status del contribuente e del suo nucleo familiare, nonché per la composizione del suo eventuale patrimonio immobiliare.

Si tratta delle seguenti detrazioni:

  • Decurtazione, dall’IRPEF dovuta, della rendita catastale dell’abitazione principale (e di una pertinenza a essa relativa) se di proprietà del contribuente;
  • Detrazione per famigliari a carico (per l’ammontare e nei limiti previsti dall’art. 12 del TUIR), siano essi coniugi, figli (anche se nati fuori dal matrimonio e legalmente riconosciuti, adottivi, affiliati o affidati) o altri parenti in linea retta che risultino conviventi con il contribuente. Per essere considerato “fiscalmente a carico”, il famigliare deve possedere un reddito imponibile annuo non superiore a 2.840,51 euro:
  • Bonus d’imposta per i percettori di redditi da lavoro dipendente e assimilati (comprese le pensioni).

Altre detrazioni IRPEF

Le seguenti voci di costo possono essere detratte dall’imposta dovuta nei limiti del 19% del loro ammontare e sempre che non siano state ricomprese tra gli oneri deducibili:

  • Interessi passivi su mutui contratti per l’acquisto (o la costruzione) della prima casa, per un importo annuo non superiore a 4.000 euro, e fino a 1.000 euro di spese sostenute per l’intermedizione immobiliare sul sopraindicato acquisto;
  • Oneri finanziari inerenti mutui per la ristrutturazione della casa, se contratti dopo il 1997;
  • Spese per le ristrutturazioni edilizie, per l’acquisto di mobili, di elettrodomestici ecocompatibili, nonché per il risparmio energetico, nei limiti e con le modalità previste dalle singole leggi speciali;
  • Detrazione sui canoni di affitto corrisposti da particolari tipologie di inquilini o se si tratta di abitazione principale;
  • Spese sanitarie, diverse da quelle deducibili e solo per la somma eccedente i 129,11 euro, veterinarie (fino a 387,34 euro) e spese funebri;
  • Spese versate a titolo di beneficenza a ONLUS, fondazioni per la ricerca o di natura culturale, partiti politici, enti religiosi e altre erogazioni non comprese tra gli oneri deducibili, nonché i contributi associativi per le “società di mutuo soccorso”, nei limiti previsti dall’art. 15 del TUIR;
  • Costo annuale delle assicurazioni vita o infortuni, alle condizioni previste dalla legge;
  • Spese per istruzione (secondaria o universitaria) e per l’iscrizioni ad “associazioni sportive dilettantistiche”.

Detrazioni Fiscali 2017: articoli consigliati

Scadenze fiscali aprile 2017: le date importanti Scadenze fiscali aprile 2017: contribuenti e imprenditori Aprile è un mese denso di scadenze fiscali importanti sia per i contribuenti privati che per le piccole-medie imprese e per gli imprenditori. Al tempo stesso bisogna ricordare che la maggior parte degli appuntamenti riguarda le aziende e i l...
Pignoramento Conto Corrente: ecco cosa cambia dal 1° luglio ... Cambia il sistema di pignoramento conto corrente dal 1° luglio 2017: diventerà molto più facile e veloce per coloro che hanno debiti fiscali o caselle esattoriali. Ecco cosa prevede il nuovo decreto fiscale. Come avverrà il pignoramento conto corrente da luglio? La nuova Agenzia delle Entrate-R...
Quali sono le Spese universitarie detraibili 2017? Spese universitarie detraibili 2017: guida completa Con il decreto Miur n. 993/2016, il Ministero dell’istruzione ha fissato le spese universitarie detraibili 2017 sia per gli istituti pubblici sia privati. I contribuenti devono quindi tener presente le novità in materia se vogliono scaricare le sp...
730 Precompilato INPS: modello, scadenza e novità 2018 Il Modello 730 è un modulo fiscale introdotto nel 1993 per la dichiarazione dei redditi rivolto ai lavoratori dipendenti e ai pensionati, che consente di recuperare parte delle spese sostenute nel corso dell’anno ed aumentare il proprio stipendio. Attraverso il sistema delle deduzioni - ovvero le...
Tassa di successione 2017: su cosa si paga? Quando è previst... Tassa di successione 2017: quando è previsto l’esonero La tassa di successione è un'imposta che devono pagare allo Stato tutti coloro che ricevono in eredità un patrimonio. L’importo di tale imposta viene definito in base alla dichiarazione di successione che si presenta all'Agenzia delle Entrate. ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *